giovedì 8 dicembre 2011

Dicembre


Dicembre, mese di feste e di abbuffate. Chissà se qualcuno si soffermerà a pensare a cose meno effimere, quali vestiti e cenoni; magari, per una volta, si potrà essere più solidali con chi sta soffrendo, per malattia, perché ha avuto un lutto recente oppure ha perso il lavoro. Tante ne sono successe in questo  2011...Cerchiamo di non togliere lo sguardo alle persone vicine, a chi passa per la strada, a chi ci saluta, al vicino della porta accanto, al "diverso"... anche se siamo tutti "diversi". Ognuno di noi é unico e irripetibile, anche se ormai si può clonare.Ognuno di noi ha mente e cuore, ma soprattutto coscienza. Noi siamo la coscienza di essere, quindi viviamo; siamo o non siamo coscienti di esserlo, ma in ogni caso esistiamo, per noi stessi e per gli altri.