domenica 13 maggio 2012

Primavera sola



C’era una sola primavera allora
e tutto si svegliò
i campi erano nudi ancora
ma Josephine sperò.
E disse voglio tutto ora
io voglio dire sì
a chi non ha capito e vola
ma come chi svanì.
E l’uomo disse.” ti amo ancora”
ma dopo lei fuggì
a cavallo di un tramonto viola
quindi di lì svanì.
Ma era una  primavera sola
quella che si svegliò
da un sogno di conchiglie rosa
e qui ricominciò.
Lei disse:” Tornerò domani,
un fuoco non ha età”.
E per una donna sola ancora
un uomo piangerà.
C’era una sola primavera allora
e tutto si svegliò.
Il sentimento crebbe ancora
e all’uomo disse sì.

Longa’81